Archive for the ‘Progetti’ Category

Pubblicare in tempo reale il valore di un sensore sul web

By Carlo Peluso | gennaio 22nd, 2013 | SHOW COMMENTS (11)

Partcl Logo

Cari amici oggi vi voglio mostrare un progetto molto interessante che vede protagonista il nostro Arduino e il mondo del web. L’obiettivo sarà quello di pubblicare real-time il valore di un sensore e di visualizzarlo in una pagina web senza refresh della pagina! Finora questo veniva realizzato attraverso continue chiamate ajax (linguaggio javascript elaborato) o refresh di iframe incorporati (non consigliabili perché sovraccaricano i browser). Oggi vogliamo invece utilizzare un metodo “davvero” real-time, che non prevede continue chiamate al server ma sfrutta i websocket per inviare al browser dei dati. Tutto ciò che ci serve è:

(altro…)

Pilotare lo schermo di un Nokia 5110 con Arduino

By Luca Panebianco | novembre 23rd, 2012 | LEAVE A COMMENT

 

Per aggiungere un po’ di interattività ed autonomia ad un progetto è necessario spesso avere un’interfaccia grafica, che sia un semplice menù, una GUI un po’ più complessa o delle schermate che ci mostrano dei grafici. Per raggiungere questi scopi possiamo utilizzare alcuni schermi di vecchi modelli di cellulari, che hanno un driver per pilotarli all’interno semplice da accedere e utilizzare con i microcontrollori.

Lo schermo di cui parliamo in questo articolo e in altri a seguire è lo schermo del Nokia 5110 delle dimensioni di 84×48 pixel, pilotati dal driver Philips PCD8544. Questo schermo, oltre ad essere economico(si può trovare per un paio di euro lo schermo già sul circuito da EBay, come quello in cima a quest’articolo) è molto semplice da gestire, soprattutto grazie alla libreria che verrà introdotta in questo articolo.

In questa prima parte parleremo di:

  • Hardware: driver e schermo
  • Come utilizzare lo schermo senza libreria
  • La libreria LCD5110: come funziona e che funzioni ci mette a disposizione

(altro…)

Utilizzare l’HC05: modulo Bluetooth Low Cost compatibile con Arduino

By Luca Panebianco | novembre 9th, 2012 | SHOW COMMENTS (11)

Introduzione

L’HC05 è un modulo di ricezione/trasmissione Bluetooth a basso costo acquistabile ad esempio attraverso EBay ad un costo che parte dai 5 dollari. Poichè però i contatti non solo alla distanza canonica di una breadboard(2,54mm) ma a 1.9mm e non con i fori usuali è consigliabile comprare separatamente l’adattatore(ad un costo di circa 4 euro).

Molti venditori, però, propongono una soluzione che consiglierei a tutti che comprende la scheda già saldata sull’adattatore ad un costo intorno ai 8-9 euro.

L’unica accortezza è quella di selezionare la versione che funziona con la UART(e quindi collegabile direttamente all’Arduino o con un adattatore USB-TTL al PC) invece che quella che comunica in RS-232 (la semplice seriale con i segnali a +/-12 volt, non utilizzabile con l’Arduino)

HC05 con segnati alcuni suoi pin

Caratteristiche e utilizzo

Queste sono alcune delle sue caratteristiche

– Baudrate supportati 2400 – 1382400.

– Basato sul CSR Bluetooth chip BC417143

– Bluetooth specification v2.0 + EDR

– Alimentazione: +3.3VDC 50mA

– Frequenza di funzionamento:  2.4GHz ISM band

– Modulazione:  GFSK(Gaussian Frequency Shift Keying)

– Emission power:  ≤4dBm, Class 2

– Sensitivity:  ≤-84dBm at 0.1% BER

– Velocità: Asincrona:  2.1Mbps(Max) / 160 kbps, Sincrona: 1Mbps/1Mbps

– Sicurezza:  Autenticazione e criptazione

– Misura: 26.9mm x 13mm x 2.2 mm.

– Temperatura di funzionamento: -20°C ~ +75 °C

La caratteristica che differenzia questo modulo da altri della stessa famiglia è che questo modulino è configurabile attraverso degli AT Command.

Alcuni venditori, però, dicono specificatamente che i moduli potrebbero essere configurati all’acquisto come master o slave e con una comunicazione seriale diversa da quella canonica dell’Arduino 9600 8N1, occorre quindi configurarlo correttamente.

Questa modalità di configurazione si attiva in due modi:

Nella prima bisogna :

– collegare il pin 34 alla massa

– alimentare il modulo(pin 12 e 13)

– collegare il pin 34 all’alimentazione (o comunque bisogna riuscire a dare un livello logico alto)

In questo modo il modulino entrerà in modalità AT con la configurazione che salvata al suo interno( di solito 9600 8N1, ma come abbiamo detto potrebbe anche essere diversa).

Altrimenti si può:

-collegare il pin 34 all’alimentazione 

-alimentare il modulo(pin 12 e 13)

In questo modo il modulo entrerà in modalità AT sempre con una configurazione con baudrate 38400 8N1.

Alcuni comandi

Questi sono alcuni dei comandi che possiamo utilizzare, ricordandosi che occorre aggiungere i caratteri \r\n alla fine di essi:

  • AT\r\n  -> Se tutto è andato a buon fine il modulo dovrebbe risponderci OK\r\n
  • AT+ROLE=1\r\n  -> Imposta il modulo come Master
  • AT+ROLE=0\r\n  -> Imposta il modulo come Slave
  • AT+UART=115200,0,0\r\n  -> Imposta la comunicazione a 115200 8N1

Una lista più completa dei comandi si può trovare in un documento .pdf preso da insctructable scaricabile da qui

Arduino: gestire un’array di tasti utilizzando il minor numero di pin

By Luca Panebianco | ottobre 18th, 2012 | SHOW COMMENTS (2)

In un microcontrollore è essenziale risparmiare il numero di pin da dover utilizzare, soprattutto quando si tratta di dover gestire numerosi ingressi digitali( bottoni o interruttori) nel caso volessimo realizzare una tastiera per i nostri progetti.

Come mostrato in un’articolo precedente, quello che non si può fare direttamente con l’Arduino a volte si può realizzare con l’aiuto di qualche integrato e l’utilizzo di qualche funzione. Anche nel caso di dover gestire numerosi ingressi digitali abbiamo una soluzione simile: l’integrato 74HC165 e la funzione shiftIn.

In questo breve tutorial verrà mostrato come si utilizza questo integrato e la funzione shiftIn per realizzare una piccola tastiera sonora a 8 toni utilizzando solo 3 pin per acquisire i tasti premuti.

Iniziamo!

(altro…)

Propeller Pendulum: regolazione a 90° con PID

By Francesco Celiberti | settembre 26th, 2012 | SHOW COMMENTS (5)

 

Il pendolo inverso è il meccanismo più utilizzato nella sperimentazione di leggi di controllo. In questo post verrà presentata una sua versione modificata: Propeller Pendulum ovvero un pendolo attuato dal complesso motore+elica. L’obiettivo di questo progetto è quello di regolare a 90° la posizione dell’asta attraverso la progettazione di un controllore PID.

NOTE: Il seguente progetto è stato costruito dall’autore, il quale non si assume nessuna responsabilità su eventuali danni a cose/persone. (altro…)